27 giu 2011

Flammekueche

Flammekueche, o meglio "torta alla fiamma", uno dei piatti più famosi della cucina alsaziana.  Semplice, croccante, saporita, gustosa e sicuramente sfiziosa.

Rigorosamente senza lievito, almeno per me, si presta a mille ingradienti, oggi io ho voluto fare una versione un pò francese un pò italiana aggiungendo del Parmigiano grattugiato e del taleggio al prosto del classico formaggio "munster" che di solito si usa.

Gli ingredienti per una torta sono...



23 giu 2011

Willkommen in Berlin, parte 1

Ultima tappa di Profumo di zenzero: Berlino!
Capitale della Repubblica Federale di Germania e sede del suo governo, è uno dei più importanti centri politici, culturali, scientifici, fieristici e mediatici d'Europa ed è anche il paradiso del Wurstel!!!
Per alcuni il piatto tipico è il Doner Kebab, sì lo so sembra una cavolata ma in realtà si dice che nel '70 alcuni immigrati turchi abbiano inventato il Doner Kebab a Berlino... Per me invece come piatto tipico ricorderò sicuramente il Curry Wurst, un wurstel tagliato a pezzi, servito con papatitne o pane e inondato di salsa ketchup con curry... Altre tipologie di salsicce sono ad esempio il Bratwurst, di solito fatto in pentola o arrosto, la Wiener stretta e lunga di solito viene fatta bollita oppure il  Bockwurst, anche questa di solito fatta a vapore o arrosto, la differenza fra questesalsicce è soprattutto il sapore e le carni dalle quali sono fatte.. insomma è difficile spiegarle tutte, dovete fare uno sforzo come ho fatto io e assaggiarle!

17 giu 2011

Salmone marinato allo zenzero

Diamo onore a questo blog!
Uno dei primissimi piatti che ho preparato, l'antipasto che hai tempi d'oro era il più richiesto!!!
Salmone marinato allo zenzero con mele verdi e frutta fresca!  Un piatto che è nato dopo il mio primo viaggio in Oriente, un insieme di sapori e di colori unici nel suo genere.
Lo zenzero è l'ingrediente che mi ha colpito di più, capace di dare frescezza ma allo stesso tempo di dare quel tocco piccante al palato, lo sapete come lo chiamano in Giappone??? Non ve lo dico, vi dico solo che se usato in modo corretto, con la persona giusta e al momento giusto diventerà l'ingrediente afrodiasiaco della serata.

Ingredienti:
1 baffa di salmone da circa 1kg con la pelle e le squame

15 giu 2011

Il tiramisù di mamma Maria

Bene, non poteva mancare il fiore all'occhiello della pasticceria italiana... Il tiramisù.
Questa è una ricetta un pò tramandata, sapete quelle ricette familiari? Io ho deciso di condividerla con voi.
Intanto mentre voi leggete questa ricetta io sarò arrivato a Berlino da poco, e ovviamente vi terrò aggiornati su ristoranti e posticini sfiziosi da visitare!

Ingredienti per una tortiera:
500 gr di mascarpone
4 uova
50 gr di cacao dolce
100 gr di zucchero di canna
6 tazzine di caffè decaffeinato
un pacco di savoiardi

14 giu 2011

Riso rosso saltato con gamberi, taccole e curcuma

Amante dei risotti e delle insatale di riso, è una delle mie passioni!  E' una varietà di riso thailandese e in realtà è un riso "selvaggio" perchè si sviluppa autonomamente in mezzo ad altre varietà di riso, è comunque una qualità di riso un pò particolare, normalmente biologico, è molto buono in insalate o ppure saltato come in questa ricetta.

Ingredienti per 4 persone:
riso rosso selvatico integrale 200 gr.
mezza cipolla bianca
uno spicchio d'aglio
1 bicchiere di vino bianco
100 gr di taccole sbollentate
24 gamberi medi freschi e puliti
curcuma q.b
olio extravergine di oliva
sale & pepe q.b.
Prima di tutto cuocete in abbondante acqua salata il riso, più o meno ci vorranno 20 minuti.

Saltate i gamberi con un pò di olio, la cipolla tritata e lo spicchio d'aglio che poi andrete a togliere.  Sfumateli con il vino bianco, salate e pepate.

Ora mettete un filo di olio in padella, se preferite antiaderente, mettete le taccole, salatele leggermente e poi aggiungete il riso e i gamberi, sistemate di sale e di pepe e aggiungete la curcuma a vostro piacimento e saltate per qualche minuto a fiamma alta.  Servitelo tiepido con un ottimo tè freddo.

Questo è davvero un piatto estivo, facile, anticolesterolo e dietetico, ma cosa volete di più?! Tra l'altro la curcuma è un epaprotettore naturale, è antiossidante e fluidifica il sangue!

12 giu 2011

Polpettine di carne e verdure

E' giorno di polpette!
Non si può mai dire di no alle polpette... è impossibile resisterle!!!
Questa è una ricetta molto buona e completa perchè con la carne ho voluto aggiungere un pò di verdure per rendere più gustose e morbide le polpette.

Ingredienti per circa 16 polpette
250 gr di carne macinata di manzo o mista
4 fette di pancarrè senza il bordo
100 gr di parmigiano
50 gr di pecorino romano
1 uovo grande
1 carota lessa
1 zucchina lessa
1 melanzana senza la buccia saltata in padella
latte di soia o di riso 
sale,pepe qb
3 cucchiai di olio extra vergine di oliva
400 gr di pomodorini di Collina in barattolo
un bel mazzo di basilico fresco
Mettete ad ammorbidire il pane nel latte, una volta morbido strizzatelo (non troppo) e mettetelo in una ciotola con la carne.
Sminuzzate le verdure, io sinceramente le ho tritate nel tritacarne con il macinato, aggiungetele alla carne e amalgamate tutto bene aggiungendo l'uovo, il parmigiano, il pecorino, sale e pepe.
Mettete in una teglia da forno con bordo alto i pomodorini, aggiungete abbondante basilico, olio, sale e pepe.
Ora iniziate a fare le classiche polpette e mettetele a crudo nella teglia con i pomodori.  Cuocete il tutto al forno per circa 20-25 minuti a 180 gradi girando le polpette ogni tanto (dipende sempre dal forno e dalla grandezza delle polpette).  Se vedete che si sta asciugando molto potete coprire la teglia con un pezzo di carta alluminio.  Io le servirei con un cucchiaio di riso integrale... che bomba!

10 giu 2011

Ristorante Ratanà

Sono stato al Ratanà!
E voi direte: ecchissenefrega vero?! Beh a me non importa vi dirò comunque tutto!

Partiamo dal fatto che non ci ero mai stato, sempre sentito parlare molto bene ma mai stato.  Di primo impatto favoloso!  Si trova in una palazzina di inizio Novecento, faceva parte della prima stazione stazione ferroviaria di Milano, nel quartiere Garibaldi.

Dentro il locale è caldo e accogliente, moderno e molto "easy".  Passiamo alle cose concrete adesso!

Il menù, creato dallo chef Cesare Battisti, reinterpreta la tradizione milanese e lombarda con piatti semplici, creativi e molto gustosi.

Sono andato a cena qui perchè è un sacco di volte che ci volevo andare ma non ho mai avuto il tempo e visto che l'altra sera era una cena un pò speciale, con una persona speciale ho colto l'occasione!

Io ho ordinato un sanato piemontese alle spezie con insalata di stagione e nespole, molto buono ma non mi ha fatto impazzire, invece ho assaggiato il piatto del mio amico e lui ci ha azzeccato alla grande: carpaccio di manzo con salsa all'aceto balsamico.  L'ho assaggiato ed era favoloso!  Andatelo ad assaggiare perchè a me è rimasta la voglia, vi giuro!

08 giu 2011

Bocconcini di maiale alla senape

Buongiorno cari amici!!! Oggi facciao un bel secondo che ne dite?  Come amante della senape vi propongo questi bocconcini, li potete fare come ho fatto io con il maiale oppure con il petto di pollo o di tacchino o ancora meglio con il vitello.

Insomma intanto iniziate a farli così e poi mi dite... per quanto riguarda la senape io ho usato quella classica ma se preferite usate quella in grani oppure anche quella un pò più forte, dipende da che gusto volete dargli.

700 gr di lonza di maiale
2 cipollotti
3 cucchiai di farina
1 cucchiaio di senape
1 bicchiere di birra

300 ml di latte
1/2 bicchiere di brodo

sale q.b.
pepe q.b.
3 cucchiai di olio extravergine di oliva


Tagliate la lonza di maiale a cubetti utilizzando un coltello bel affilato, ovviamente sgrassatelo o fatevelo pulire dal vostro macellaio, adesso metteteli nel latte e fateli riposare per almeno un'ora.

Tagliate i cipollotti a julienne e saltatelo in padella antiaderente con l'olio, scolate il maiale, asciugatelo e cospargetelo di farina eliminando quella in eccesso, aggiungete i bocconcini in padella con i cipollotti e fateli rosolare bene.

Ora bagnate i bocconcini con la birra, abbassate la fiamma e fateli cuocere bene aggiungendo se serve il brodo, salate, pepate e aggiugete la senape.  Si deve creare una crema come nella foto.

Due piccoli consigli, potete aggiungere della panna o una parte del latte utilizzato prima per farli addensare un pò (sempre alla fine) e la senape potete aumentarla o diminuirla a secoda del vostro gusto.

06 giu 2011

Butter chicken

Questa è una ricetta che a me piace molto, dal sapore deciso e con un aroma unico!  Me l'ha passata un cuoco indiano che lavorava con me in nave.  Ovviamente va servita con del riso pilaf, preferibilmente il basmati cotto con la curcuma o con dello zafferano perchè da solo rimane un pò pesante.  Lo so non è una ricetta leggera ma davvero se non lo avete mai mangiato e vi piace la cucina indiana non potete non farlo!  Insomma il "butter chicken" è a dir poco favoloso!

Una cipolla media
2 spicchi di aglio
un pezzetto di zenzero (circa 2 cm per 1 cm), 1 pezzettino di finocchio (30 gr), 1 pezzettino di carota tutto frullato insieme
4 cucchiai di olio extra vergine di oliva
1 cucchiaio di curcumma
½ cucchiaio di cummino in polvere
½ cucchiaio di polvere di coriandolo
1 cucchiaio di tandoori masala
½ chilo di Pollo tagliato in pezzitini non molto grandi e senza ossa
una scatola di passata di pomodoro
una confezione piccola di panna da cucina (50 ml)
un cucchiaio di burro
1 cucchiaio di salsa ketchup

Versate l'olio e le verdure frullate nel wok, se non l’avete potete usare una pentola normale.
Fatele rosolare per circa 2-3 minuti poi aggiungete i pezzettini di pollo e tutte le spezie, cuocete mescolando ogni tanto per circa 10 minuti a fuoco vivo.

Aggiungete la passata di pomodoro e il ketchup.  Mescolate tutto circa 5 minuti a fuoco vivo poi abbassate il fuoco al minimo e coprite con un coperchio.
Continuare la cottura per circa 25 minuti, mescolando ogni tanto. Infine aggiungete il burro e la panna e continnuate la cottura per altri 5 minuti sempre a fuoco lento.
Io farei due bei piatti da portata e li metterei al tavolo... Voi fate come volete ;-)

05 giu 2011

Tarte à la Normande

Ieri parlavo con alcune persone della cucina francese e delle modifiche applicate nella cucina mediterranea e soprattutto in quella italiana... Ora c'è da dire che la cucina francese non è male soprattuto perchè è ricca di verdure e di creme favolose, ma io sono sostenitore di alcune ricette della classica cucina francese come questa che ho fatto oggi.

A Milano piove quindi ho pensato di deliziare il mio palato con questa torta-crostata ottima in un giorno piovoso come questo, ovviamente con un bel tazzone di tè!

Ingredienti per 6 persone:
300 gr. di pasta brisèe (congelata o fresca arrotolata)
750 gr. di mele
2 cucchiai di zucchero di canna chiaro
1 cucchiaino di cannella in polvere
50 gr. di burro

per la crema:
2 uova intere
50 gr. di crème fraiche
30 gr. di zucchero di canna chiaro
1 cucchiaio di calvados
una manciata di mandorle già sfilettate
Foderate la tortiera con la pasta brisèe, se utilizzate quella fresca già ci sarà applicata la carta da forno, se invece utulizzate quella surgelata imburrate la teglia.

Tagliate le mele a spicchi e spruzzatele con qualche goccia di limone, poi mettete in padella il burro, lo zucchero e saltate le mele aggiungendo la cannella per un minuto e fatele raffreddare.

A questo punto preparate la crema con le uova e lo zucchero, aggiungere la crème fraiche e il calvados, a parte saltate le mandorle sfilettate e fatele diventare croccanti.

Mettete nel fondo della tortiera e le mandorle, e cuocete la torta per circa 20 minuti a 180 gradi.
A questo punto ricoprite il tutto con la crema restante ed infile con le mele, che potete dissporre come meglio credete.Io di solito dò una spolverata con lo zucchero di canna o a velo per far creare quella lucidità che vedete nella foto.

Finite la cottura della torta a 160 gradi per altri 10-15 minuti, poi dipende dal forno, dovete controllare che la crema sia cotta!

Potete servirla come ho fatto io con qualche mirtillo e con un cucchiaio di crema di latte ai fichi...